In bianco e oro…

Oggi e’ San Martino… in Germania si dice che nel giorno di San Martino inizi il Natale, proprio come l’Epifania lo chiude. A differenza dei paesi del Sud Europa, nel Nord il giorno di San Martino viene festeggiato in particolar modo dai bambini, che una settimana prima cominciano a preparare le loro lanterne di carta per la processione. È infatti tradizione riunirsi il pomeriggio, quando inizia a fare buio, accendere la propria lanterna appesa all’estremità di un ramo e partecipare alla processione detta Laternenumzug, cantando canzoncine come “lanterne, lanterne, sole, luna e stelle, date luce a noi, date luce a noi, questa luce nel Mondo vogliamo portar!”.

56

Annunci

Tiriam le somme…

Il tempo vola…. vola…vola… ! Me ne rendo conto quando entro in questa casetta virtuale e  vedo che è da un sacco di tempo che non scrivo nulla… non ho più messo al corrente tutti i mei fans 😀 dei vari accadimenti nella mia nuova residenza… ahahaha… lo so che siete in tanti curiosi di sapere se ho finito di arredare e sistemare il mio appartamento milanese…. che mi piace chiamare PER (da Camper) come dice la mia amica Rebecca…si perchè è su misura per me….. e ci sto divinamente … peccato che non ha le ruote !! 😛 Bene… allora, finalmente gli scatoloni sono spariti, è arrivato il piccolo mobile del soggiorno, il divano e sono stati installati i faretti…. mancano le tende e un quadro digitale di grandi dimensioni  sopra il divano che ovviamente devo preparare.. ma a questi dettagli penserò quando torno dalle vacanze. E si…. dopo la faticaccia che ho fatto in questi primi mesi dell’anno e che sto pagando a caro prezzo con la salute…. una bella vacanza me la merito. Mi aspetta la casetta in Puglia 😉 Sul terrazzino ho messo dei bei vasi…. con piante sempreverdi e di facile manutenzione. Il tramonto è il primo dono che mi ha fatto Madre Terra ….

Cordialmente…. Laura ❤

Ciao..ciao, mia cara home!

Meno 33 giorni e via… si carica tutto e si parte … destinazione Milano Sud. In questi giorni  le emozioni sono contrastanti…. insomma lasciare la  bella casa che mi ha ospitato per ben 15 anni della mia vita…. non è poi così facile.  Il nuovo appartamento è molto carino….. tutto nuovissimo…. si… non manca proprio nulla se non lo splendido panorama che si godeva dal terrazzino di questo. Mi mancheranno sicuramente le montagne con le loro cime innevate che, nelle mattine invernali, ammiravo facendo colazione davanti alla finestra della cucina… mi mancheranno le splendide albe dai colori rosso fuoco…. che vedevo sorgere ad Est….e che si trasformavano spesso in splendidi scatti fotografici… mi mancherà mio figlio e la nostra cagnolina… ok…. è una pitbull… ma per noi è la nostra piccola Dea. Allora…. su consiglio della mia cara amica Rebecca.. chiuderò in bellezza pubblicando qualche foto di ciò che sto per lasciare…….  per poi riaprire in bellezza con foto del nuovo appartamento. Forse ci vorrà un pò di pazienza per il nuovo reportage fotografico perchè a breve sarò senza linea adsl…. e praticamente non potrò fare nulla fino a nuova attivazione… e poi serviranno i tempi tecnici per risistemare tutto. Saluto cordialmente tutte le persone che entrano in questo Bloggettino casalingo…. per lasciare un commento o semplicemente per dare una sbirciatina.

A presto….. Auf Wiedersehen!

Laura

Deliziosi bocconcini…

I panini al latte sono piccoli e deliziosi bocconcini di pane soffici e poco zuccherati, sempre presenti nei buffet delle feste dei bambini, in quanto mantengono a lungo la loro morbidezza e sono immensamente graditi dai più piccoli. Sono ideali da farcire con Nutella, marmellata oppure da arricchire con gocce di cioccolato! I panini al latte sono ideali anche da portare con se ad un pic-nic o una scampagnata; preparateli il giorno prima, conservateli accuratamente e state sicuri che manterranno intatto il loro sapore e la loro fragranza! OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Una foto è per sempre…

…. ma anche i fiori recisi possiamo tenerli con noi per parecchio tempo e forse anche per sempre. Però  non tutte le specie resistono al processo di essiccazione. Per un’ottima riuscita delle vostre composizioni, sarà preferibile puntare su fiori quali la rosa, la margherita, l’edera, la mimosa o la lavanda. Ci sono poi diverse tecniche di essiccazione, a seconda della varietà del fiore e dell’utilizzo che se ne vuole fare. Se ad esempio pensate di utilizzare delle rose, sarà bene che le lasciate essiccare all’aria, magari legandole e ponendole a testa in giù. Se invece avete in mente una composizione di mimosa ed erica, dovrete lasciare i vostri fiori immersi in un vaso d’acqua, per permettere una disidratazione graduale. C’è poi la tecnica della pressatura, se volete creare quadri o cartoline, o quella che richiede l’utilizzo di sostanze chimiche, per accelerare il processo di essiccazione. I fiori secchi sono facili da realizzare e possono trovare moltissime utilizzazioni per la vostra casa. Il primo utilizzo è ad esempio quello di creare delle ciotoline di pot pourri, per profumare gli ambienti della casa: in questo caso vi sarà sufficiente staccare dolcemente i petali dai fiori secchi, metterli nel contenitore che avrete scelto e spruzzarvi sopra l’essenza che più preferite, oppure anche oli essenziali che si trovano facilmente in erboristeria. Sentirete che buon profumo inebrierà la stanza!
Inutile precisare poi che con i fiori secchi si possono anche creare delle composizioni floreali perfette per abbellire un angolo della casa, o ancora utilizzarli come decorazioni per dei pacchi regalo, bloccati con un pò di colla su di un fiocchetto.

Fonte

Oggi vi presento….

2 mesi
Solarium 🙂
Solarium 🙂

1Dea… la nostra dolcissima PitBull. Quando è nata era in perfetta salute, viveva con i suoi 6 fratellini, mamma e papà. Ormai era la nostra cuccioletta e si attendeva la fine dello svezzamento per portarla a casa. Un giorno ci chiamano per informarci che la piccolina, giocando, era caduta da un muretto e si era fatta male ma che non era nulla di grave. Quando l’abbiamo vista … con un occhio gonfio… abbiamo pensato di portarla via e farla visitare dal nostro veterinario di fiducia. Purtroppo la diagnosi dopo la Risonanza Magnetica… non è stata confortante… trauma cranico con lesione del nervo ottico. Dea è con noi da più di un anno… i suoi occhi hanno un leggero tremolio continuo… ci vede ma il suo campo visivo sarà per sempre compromesso. La curiamo amorevolmente e lei ricambia questo amore incondizionato e puro…. con la sua vivacità… intelligenza e ubbidienza. Io e mio figlio non ci siamo lasciati intenerire completamente dal suo stato di salute…. è un cane dal carattere forte…  che va disciplinato sempre… ma quando la guardiamo dritta nei suoi occhi dolcissimi…. le coccole partono a raffica. 🙂

Vento di Maestrale…

Sea

Max Gazze’-Vento d’estate

Ho lasciato scappar via l’amore
l’ho incontrato dopo poche ore
è tornato senza mai un lamento
è cambiato come cambia il vento
Vento d’estate io vado al mare voi che fate
non mi aspettate forse mi perdo

Ho pensato al suono del suo nome
a come cambia in base alle persone
ho pensato a tutto in un momento
ho capito come cambia il vento

Vento d’estate io vado al mare voi che fate
non mi aspettate forse mi perdo

 

 

Fantasia in cucina…

1013599_576362199129371_8480906616247075165_n 10154019_576362189129372_2706070105768224375_n

Roselline di mele e pasta sfoglia …  

NGREDIENTI PER 6 PERSONE

2 mele
Burro qb
2 cucchiai di zucchero
1 rotolo di pasta sfoglia
Zucchero a velo qb

PROCEDIMENTO

Sbucciare le mele e tagliarle a fettine sottili.
Ripassarle in padella con burro e zucchero, finché saranno leggermente caramellate.
Ritagliare delle strisce di pasta sfoglia e distribuire le fette di mela sul bordo.
Arrotolare la sfoglia su se stessa come per formare delle rose, quindi trasferirle negli stampi da muffin, precedentemente imburrati.
Aggiungere un po’ di zucchero sulla superficie di ogni rosellina.
Cuocere a 180°, forno ventilato, per 15-20 minuti.
Una volta pronti, completare spolverando con lo zucchero a velo.

http://www.realtimetv.it/web/molto-bene/ricette-meno-30-minuti/dolci-30/fior-di-mele/

Vorrei che …

Vorrei
che…

vorrei che le stelle e il cielo facessero
parte di me
vorrei che un angelo vegliasse su di me
vorrei che la mia anima fosse quella di un
bimbo
vorrei che la stella cometa a Natale mi
aiutasse
a trovare la mia meta
vorrei che un gabbiano mi aiutasse a volare
sulle ali della vita
vorrei che il vento sussurrasse parole di
conforto a chi ne ha bisogno……

Image hosted by servimg.com

Ago, Filo, perle&perline…

La lavorazione delle perline con la tecnica del peyote non è difficile, ma presuppone una conoscenza degli intrecci Swarovski e dimestichezza con la tessitura delle perline in genere. Il punto peyote si presta ad infinite combinazioni, sia con altre tecniche (herringbone, scala, ecc) sia con vari materiali come Swarovski, pietre dure (Cabochon), oggetti di varia natura e forma. Inoltre, s’impara a fondere, unire e mescolare materiali, colori e tecniche creando gioielli che sono moderni ma che hanno un aspetto antico, etnico e misterioso.

Rivoli Swaroski Aquamarine 18mm. incastonato con tecnica Peyote

2

Spring…

SPRING copy

Primavera, (L.Schwarz)

Le campanelle
raccontano alle stelle
che il sole, che il sole fa nascere le viole…
A nuovo vestite
spuntano le margherite,

primule e mughetti,cespugli e cespuglietti,
piante e piantine,erbette fine fine…
E il sole ad ogni fiore dà il suo colore.
Rosse le rose, gialle le mimose,

candidi i gigli, e tutti son suoi figli.

Addio piccola Kina … chiamata dolcemente Ginetta

Clicca immagineGrazie di cuore alla carissima  amica RebeccaPif… per aver dedicato un Post nel suo splendido Blog… alla mia cagnolina Ginetta che se ne è andata sul Ponte Arcobaleno.

Questa piccola cagnolina è nata in casa mia… nel gennaio 2001.. insieme abbiamo condiviso momenti belli  ..e anche quelli meno belli della mia vita. Ultimamente si era ammalata gravemente , e nonostante le intense cure…e tanto amore… non sono riuscita a salvarla…. Da giovedì è insieme alla sua mamma Olak.. sul Ponte Arcobaleno.. e sono sicura che ora è felice… e in ottima salute.

Addio piccola Ginetta

“Chi non ha mai posseduto un cane, non può sapere che cosa vuol dire essere amato”

(Arthur Schopenhauer)